Inaugurata "La Casetta di Timmi"

A Carugo (CO) un luogo di protezione e cura in un immobile confiscato alla ‘ndrangheta.

È stata inaugurata a Carugo (Como) la Casetta di Timmi, la prima comunità educativo-familiare di Cooperativa COMIN e Terre des hommes che accoglierà bambini dagli 0 ai 5 anni allontanati dalla propria famiglia su provvedimento dell’autorità giudiziaria, spesso vittime di violenza e maltrattamento, un reato che nel 2019 nella sola Lombardia ha colpito 327 minori. Situata in una villetta confiscata alla ‘ndrangheta, questa struttura ospiterà una famiglia selezionata che, opportunamente supportata da una rete di operatori qualificati, garantirà la necessaria cura e protezione ai bambini per tutto il periodo della loro permanenza. L’apertura della Casetta di Timmi è stata resa possibile grazie al contributo di diversi attori, in primis Pramerica Sgr, società di gestione del risparmio del Gruppo Intesa Sanpaolo.

La Casetta di Timmi accoglierà fino a 6 bambine e bambini, che in questo luogo potranno trovare la serenità, la fiducia nel mondo degli adulti e riacquisire un ritmo di vita adatto alla loro età. L’obiettivo è recuperare il benessere psicofisico dei bimbi accolti, nell'ottica di favorire un rientro sicuro del bambino presso la propria famiglia, ove possibile, oppure di accompagnarlo nel delicato cammino verso un affido o un'adozione. Le attività coinvolgeranno educatori, psicologi, pediatri, famiglie e volontari che forniranno un’assistenza completa ai bimbi e alla famiglia ospitante.

Questo progetto”, aggiunge Claudio Figini, vicepresidente della Cooperativa COMIN, “rappresenta un nuovo importante passo nel cammino di accoglienza che dal 1975 stiamo percorrendo. La casetta di Timmi si fonda su tre pilastri, quello professionale costituito dall’equipe educativa, quello famigliare rappresentato da Silvia e Javier, determinante soprattutto per garantire una crescita sana, vista l’età dei bambini accolti, e infine quello composto dalla comunità sociale circostante. Siamo molto contenti di poter attuare questo progetto con Terre des Hommes. Due storie diverse che si incrociano su un terreno valoriale comune. La Casetta di Timmi vuole rappresentare un modello di gestione educativa: la comunità si avvale di un’equipe con operatori professionali qualificati e costantemente formati, che affiancano la famiglia per garantire una gestione condivisa e corresponsabile della comunità. L’equipe educativa è inoltre supportata da una supervisione psicologica e legale, indispensabile sia per un’ottimale presa in carico delle situazioni dei bambini accolti, sia per monitorare il benessere stesso dell’equipe, garantendo una gestione educativa curata ed efficace.
L'esperienza ci insegna infatti che un gruppo di lavoro di adulti affiatati, preparati, corresponsabili, possono costruire un clima educativo caldo e accogliente, primo passo fondamentale perché il senso di cura si trasmetta anche agli ospiti della comunità La Casetta di Timmi vuole essere altresì un’occasione di apertura alla comunità locale: il suo intervento infatti si integra con i servizi del territorio ed è supportato dalla comunità locale allargata. Il percorso di ciascun bambina e bambino ospiti della casa sarà progettato in collaborazione con i servizi di Tutela referenti. Una comunità di accoglienza radicata nel territorio dispone quindi di risorse preziose, quali affetto, prossimità, collaborazioni."

Si tratta di una risposta ferma e decisa dello Stato che afferma il primato della legalità”, spiega Daniele Colombo, Sindaco di Carugo. “L’immobile confiscato alle mafie, grazie alla preziosa collaborazione che si è instaurata tra Istituzioni ed enti del terzo settore, torna ad essere a disposizione della Comunità e svolgerà un’importante funzione sociale di accoglienza per i bambini vittime di maltrattamento. È stato un percorso lungo e difficile che abbiamo voluto affrontare però con determinazione, proprio per cercare di dare un segnale preciso e concreto alle organizzazioni mafiose: lo Stato e il rispetto delle regole vincono sempre”.

Il progetto della Casetta di Timmi è stato reso possibile grazie alla donazione di Pramerica SGR e alle raccolte fondi del Charity Dinner della Festa del Cinema di Roma organizzato da Désirée Colapietro e della campagna “Invisibile agli occhi” (aprile 2019) svolta in collaborazione con il Segretariato Sociale Rai.

La Casetta di Timmi oltre ad essere un luogo di accoglienza è altresì un progetto di accompagnamento e assistenza alla famiglia di origine dei bambini, con cui l’equipe lavorerà per un rientro del bambino ogni qualvolta ciò sarà possibile.

Per maggiori informazioni sul progetto e per contribuire con donazioni:
casettaditimmi.org


Rassegna stampa

Bambini e violenze, inaugurata la "Casetta di Timmi" La Repubblica
Maltrattamenti: inaugurata "La Casetta di Timmi" SIR - Agenzia di informazione
Nasce "La Casetta di Timmi", comunità educativo-familiare per bambini La Repubblica - Milano
Apre "La Casetta di Timmi" per bambini vittime di violenze  Redattore Sociale
Logo Comin

Via E. Fonseca Pimentel, 9 - 20127 Milano
Telefono 02.26140116 - Fax 02.26890231
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
N°. iscr. Albo Cooperative: A115715
Partita I.V.A. e C.F. 02340750153