L'arte di invecchiare al tempo del Covid-19

Gli anziani possono rimanere attivi e in forma anche in pandemia

Le Case del Tempo gestite dalla cooperativa sociale Comin sono innovative comunità diurne dedicate a persone anziane autosufficienti (anche solo parzialmente).

Il Covid-19 le ha costrette alla chiusura ma operatori e ospiti non si sono arresi, inventando soluzioni originali e sorprendenti per continuare a promuovere l'autonomia delle persone, e coniugando la forza della socialità, una tecnologia “amica” e l'attività fisica. Ecco come.

Non possiamo permetterci il lusso di rinunciare a vivere”: così Giovanni Ghidini, della Casa del Tempo di zona Certosa si rivolge agli allievi dei corsi di ginnastica dolce. “Ci siamo sempre detti che i limiti che la vita ci avrebbe presentato li avremmo circoscritti per quello che sono e non gli avremmo permesso di occupare per interno le nostre esistenze. (...). Questa è l’arte di invecchiare”. E allora, nonostante il Coronavirus, “continueremo a muoverci, ad alimentarci con intelligenza, continueremo a coltivare le nostre relazioni...”.

COMIN ha dimostrato che, con un tutoraggio di prossimità, è possibile per tutti o quasi fare ginnastica in modo dolce e smart: 40 persone dai 60 agli 88 anni, per 4 volte alla settimana seguono un’ora di lezione in diretta seguendo una piattaforma informatica. 120 persone ricevono due volte alla settimana due lezioni via audio, sempre diverse, da seguire con il telefono attraverso un gruppo WhatsApp. E chi era senza un telefono adeguato? “Abbiamo consegnato, previa telefonata, un libretto che descrive un programma di massima di attività fisica dedicata alla terza età”.

Alcune testimonianze

La testimonianza di Antonietta: “Lunedì ore 9: puntuale come sempre prende il via la lezione di ginnastica via zoom. I collegamenti sono puntuali e cadenzati durante la settimana. La guida di Gianni, il nostro trainer, è sapiente: ci coinvolge per la chiarezza delle spiegazioni e per la completezza dell'allenamento! Ogni seduta vola via veloce e alla fine mi sento stanca e ristorata al tempo stesso. Siamo ancora in piena pandemia da COVID e per noi a Milano ci sono molte restrizioni: si può uscire poco, la chiusura delle palestre... La ginnastica di Gianni online organizzata dalla Casa del Tempo è stata una sorpresa, un piacere e... un'ancora di salvezza! Che dire? Io sto meglio di prima”.

Così Loredana e Nico: “Desideriamo esprimere a Gianni, Clara e Giada, per la premura, la competenza , l' attenzione alla persona oltre all'evidente passione per il proprio lavoro, i nostri ringraziamenti per questi mesi di lezioni via Zoom che sono state provvidenziali per il nostro bisogno di movimento : particolarmente per la patologia di Nico, che altrimenti sarebbe sicuramente peggiorata. Da parte mia è il primo anno che vi conosco ma mi complimento e sono contenta di avervi incontrato...”.

Un'attività per il corpo e per l'anima, la definisce XYZ: “Per me questo impegno di ginnastica in un periodo così difficile è stato un tocca sano,essendo purtroppo separata da più di 25 anni senza nessuno in casa, è stato un piccolo spazio della giornata che per me ha significato tantissimo, mi son sentita più viva più dinamica altrimenti alle porte c'era la depressione che mi fa tanto paura... avendo vicino di casa una sorella che vive di depressione da anni!!”.

Ma non finisce qui. Attraverso i canali “tecnologici” gli operatori hanno fatto molto di più.

Ad esempio, hanno raccomandato, come sempre, uno stile alimentare che potenziasse il sistema immunitario e che fornisse il giusto bilanciamento tra proteine, carboidrati e verdure, rendendosi disponibili per consulenze individuali. Non si è rinunciato al rito del pranzo comunitario anche se vissuto ognuno a casa propria, ma con una distribuzione a domicilio di piatti tipici cucinati alla Casa del Tempo per condividere e tener vivi il sapore della convivialità

Il nutrimento è importante anche per lo spirito: in quest'ottica è stato pensato un momento dedicato all’ascolto di brani musicali e un altro, molto apprezzato, di tour virtuali presso alcune opere d’arte situiate in città. Ma soprattutto sono state messe in atto tante piccole attenzioni per battere la solitudine, raccomandando di sentirsi con i propri amici e sollecitando le persone meno attrezzate con la tecnologia a rimanere attivi e collegati con il gruppo. Appena è stato possibile si sono formati piccolissimi gruppi in presenza per andare a trovare le persone più isolate e per vedersi all’aria aperta negli spazi verdi intorno alla Casa del Tempo.

Che cosa sono le Case del Tempo: un modello innovativo, sostenibile e replicabile

Le Case del Tempo sono comunità diurne rivolte a 15-20 persone anziane autosufficienti (anche solo parzialmente) e sono molto radicate nel quartiere di appartenenza, in zona Certosa e zona Turro a Milano. Il loro modello organizzativo è innovativo, sostenibile e replicabile: propongono infatti attività per il benessere psico-fisico, l'intrattenimento, la cultura e la socialità, coinvolgendo gli anziani, che cogestiscono il loro tempo, le attività e le relazioni.

Il servizio è stato progettato dalla cooperativa COMIN insieme all’Associazione Sportiva Dilettantistica Muoviti e s'inserisce nell'ambito progettuale di COMIN denominato "C'è Tempo". Il servizio è indirizzato a chi si trova in un'età vulnerabile, tra la piena autonomia e una condizione di non autosufficienza.In questa fase, molte persone anziane hanno l'esigenza di occuparsi attivamente della propria condizione fisica e psicologica, proseguendo una vita di relazione entro la propria comunità.

Gli obiettivi precipui sono mantenere l'autonomia della persona anziana, creare attorno all'anziano una rete di contatti, relazioni, attenzioni e cure da parte della comunità locale, fornire ai familiari un supporto e una condizione di maggiore sicurezza nel gestire una fase della vita del loro congiunto, restituire alle nuove generazioni il sapere e la saggezza cumulati dagli anziani.

Le Case del Tempo, che prevedono una retta mensile, si valgono di un'équipe professionale costituita da: un operatore centrale, un insegnante di ginnastica, una governante, una conduttrice del laboratorio di produzione della memoria, un supervisore specializzato in psicologia dell'invecchiamento e dei modelli comunitari, oltre a volontari della comunità locale. Nei mesi estivi, le attività potranno essere, in parte, trasferite in luoghi di villeggiatura selezionati da COMIN.

  • Casa del Tempo zona Certosa, via G. della Casa, 19.
  • Casa del Tempo zona Turro, via E. Fonseca Pimentel, 5.

Per tutte le informazioni: www.lecasedeltempo.it

Logo Comin

Via E. Fonseca Pimentel, 9 - 20127 Milano
Telefono 02.26140116 - Fax 02.26890231
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
N°. iscr. Albo Cooperative: A115715
Partita I.V.A. e C.F. 02340750153