Esperienze didattiche

Potenziamento degli apprendimenti e del metodo di studio

Presentazione

Il ciclo della scuola elementare rappresenta il primo passo verso il mondo della scuola fatto di: tempi scanditi, necessità di potenziare le capacità di concentrazione per un tempo sempre maggiore, richiesta di risultati misurabili. Tutto questo, spesso, avviene in un orario che occupa l’intera giornata dello studente.

Al suo ritorno a casa, quando la giornata è già quindi quasi terminata, spesso allo studente è richiesto un ulteriore lavoro di allenamento, rielaborazione e studio. Lo studente, accompagnato dal personale docente, e dai genitori a casa, deve imparare a sviluppare una gran quantità di abilità.
La scuola media rappresenta un passaggio spesso molto complesso per i ragazzi, che intanto divengono anche adolescenti. La struttura della scuola e le richieste connesse si modificano molto, sovente accade che i ragazzi non riescano a tenere il passo. Inoltre, in un’età molto delicata come questa, il tema dei compiti e dello studio rappresenta spesso per le famiglie un ulteriore motivo di tensione e di scontro, con pochi strumenti di lettura a disposizione dei genitori.

Disturbi specifici dell’apprendimento e bisogni educativi speciali

In alcuni casi, le diagnosi di DSA mettono in evidenza la necessità di seguire questi minori con percorsi di potenziamento delle capacità di apprendimento non solo all’interno della scuola, ma anche nel loro lavoro a casa. I BES hanno, inoltre, messo in risalto una sensibilità a comprendere e sostenere le diverse necessità dei minori e delle loro famiglie nell’ambito dell’apprendimento scolastico.

Le opportunità di seguire adeguatamente questi bambini sono ancora piuttosto scarse, e lasciano sola la famiglia nella difficoltà di far fronte a questa situazione, che viene vissuta da tutti i componenti come un grosso problema, portando con sé la frustrazione dell’incapacità a gestirlo.

Obiettivi

ESPERIENZE DIDATTICHE è l’evoluzione del classico “aiuto compiti” che va oltre il mero supporto didattico. Prevede, accanto a una parte didattica “tradizionale”, una parte “metacognitiva” e una “cognitiva”, che distinguono il tutoring effettuato da un esperto dell’apprendimento da quello effettuato da altri operatori.


L’obiettivo del tutoring è quello di rendere autonomo lo studente nell’apprendimento aiutandolo a individuare i processi cognitivi richiesti da un compito, a potenziarli e a controllarli. Non si tratta più di fornire un aiuto occasionale allo studente, ma di sostenerlo nel raggiungimento degli obiettivi di autonomia a lungo termine.Gli incontri si sviluppano in tre momenti:

  • si approfondisce la natura del compito (parte metacognitiva);
  • si sceglie nello specifico quale funzione potenziare (parte cognitiva);
  • si applicano le tecniche ai compiti specifici, lo studente svolge autonomamente il compito sotto la supervisione del tutor (parte didattica).


Il tutor dell’apprendimento: a seconda delle caratteristiche e bisogni del gruppo studenti, o del singolo, e degli obiettivi che intende realizzare, dovrà motivare all’apprendimento, facilitarlo, sostenerlo in vari modi, organizzarlo secondo progetti mirati e realizzare una comunicazione/relazione efficace con gli studenti e altre figure di riferimento e coordinare gli interventi tra loro.
Il ruolo delle famiglie è centrale. Attraverso un percorso di gruppo, i genitori possono avvalersi di un servizio di alleggerimento del carico di lavoro, ma anche di una possibilità di scambio reciproco attraverso il confronto.Sono previsti incontri mensili. La metodologia utilizzata è principalmente quella del confronto e del sostegno reciproco sulle difficoltà nella gestione dei figli, nonché sulla possibilità di condivisione col tutor dell’apprendimento riguardo al lavoro, ai metodi, alle tecniche e all’evoluzione del percorso dei figli. Vengono inoltre organizzati dei momenti di esercitazione pratica, nei quali i genitori hanno modo di identificarsi.

A chi ci rivolgiamo

A studenti delle scuole primarie e secondarie, ai genitori, agli insegnanti.

Il nostro staff

È composto da una responsabile di progetto e counselor, da una psicologa e tutor dell’apprendimento, da un’educatrice.

Da quanto è attivo il servizio

Il servizio è attivo dal 2014.

Numeri utenti

Ad oggi il servizio coinvolge circa 30 famiglie.

Sede

Cernusco s/Naviglio ex Filanda Gavazzi

Logo Comin

Via E. Fonseca Pimentel, 9 - 20127 Milano
Telefono 02.26140116 - Fax 02.26890231
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
N°. iscr. Albo Cooperative: A115715
Partita I.V.A. e C.F. 02340750153

Annuncio di lavoro

Cerchiamo educatori con laurea in scienze dell'educazione.

Maggiori informazioni